ParaCOOL – The sound of the street

2008 - Carlo Nannicola - Pelin Santilli - Paracool - 12008 - Carlo Nannicola - Pelin Santilli - Paracool - 22008 - Carlo Nannicola - Pelin Santilli - Paracool - 32008 - Carlo Nannicola - Pelin Santilli - Paracool - 42008 - Carlo Nannicola - Pelin Santilli - Paracool - 52008 - Carlo Nannicola - Pelin Santilli - Paracool - 6

ParaCOOL – The sound of the street

Carlo Nannicola – Pelin Santilli

Intervento di street art / poster art con intervento di Digital video – 2008

L’Aquila

Quelli che “arredano” la pubblicità politica

L’Aquila, 18 mar. – Enza Sister ci scrive: “Caro Direttore, alla politica che semplifica risponde una società estremamente complessa.

Avete notato cos’è comparso sui tabelloni riservati ai manifesti elettorali della nostra città?
Sono lavori di grafica veramente molto belli e ironici. Si tratta di street art. Sono anonimi e non rappresentano nessun partito o candidato.

Sono l’ennesimo e silenzioso indizio dell’esistenza, anche a L’Aquila di un pensiero e di una sensibilità “altri”.
Non c’è nessuna richiesta o protesta ma è comunque un enorme punto di domanda che interroga il ceto politico.

E quest’ ultimo sarebbe in grado di misurarsi? Sarebbe in grado di intercettare questa fetta di società che produce, lavora, fa sistema ma che probabilmente è di quel famoso partito del non-voto che ad ogni elezione raggiunge la sua ragguardevole percentuale. Forse è quella gente che in questa società ci vuole stare, che comunque sia di fronte al degrado politico, culturale e sociale risponde in maniera positiva, creativa, utile e funzionale cercando l’interlocuzione e il confronto.

La politica saprebbe adattare il suo bolso vocabolario a chi di linguaggi molteplici e mescolati fa la propria forma di comunicazione? Forse sarebbe meglio potenziare il sistema di telecamere di sorveglianza così magari col guardare e riguardare i nastri prima o poi si impara”.



I commenti sono chiusi.