L’orto dell’arte – Ed. 2014

Dall’8 agosto 2015, negli spazi interni ed esterni del Castello Piccolomini, ad Ortucchio, avrà luogo la quarta edizione della rassegna d’arte “L’orto dell’arte”, che – in una linea ormai consolidata dalle passate edizioni, tutte accolte da un ottimo successo di pubblico, propone l’accostamento e il confronto di maestri e giovani artisti attorno ad un unico tema. Nel centenario del terremoto del 1915, che rase al suolo i paesi della Marsica, e Ortucchio in particolare, la manifestazione – dedicata alle forme contemporanee dell’arte nelle più ampie accezioni: dalla scultura tradizionale alla video-art, alle performance – avrà come tema la memoria

Promossa dalla Associazione “Quelli di Archippe”, la rassegna è Patrocinata dal Comune di Ortucchio e inserita nell’ambito del programma di attività culturali estive “Terraemotus”. L’evento si avvale dell’apporto di Lea Contestabile, Marcello Gallucci e Carlo Nannicola, alle cui cure è affidata la selezione dei partecipanti e la realizzazione del percorso espositivo.

Saranno presenti le opere di: Nicola Antonelli, Valter Battiloro & Monica Longhi, Marco Brandizzi, Lorenzo Bruno, Angelo Bucciacchio, Fausto Cheng, Lea Contestabile, Michela Del Conte, Enzo De Leonibus, Fabio Di Lizio, Francesco D’Incecco & Linda King, Franco Fiorillo, Tiziano Francescone, Nadia Lolletti, Sergio Nannicola, Marco Pellizzola, Gianluca Ragni, Silvano Servillo.

L’inaugurazione della mostra vedrà l’apertura della “Memories room” di Lea Contestabile, l’intervento di Anna Maria Giancarli con la Performance “3:32 della vita” accompagnata dall’intervento musicale di Piercesare Stagni, la presentazione del catalogo “1915-2015 Segno e Memorie”, un progetto dell’Accademia di Belle Arti dell’Aquila con la partecipazione del Liceo Artistico “V. Bellisario” di Avezzano a cura di Valter Battiloro, Fabio Di Lizio e Carlo Nannicola insieme a Zoraida Palozzo e Maria Urbani.
Durante il periodo della manifestazione, “L’orto dell’arte”, ospiterà lo spettacolo di danza orientale contemporanea dell’associazione “OrientalMente” di Midia e Mardin Nazad.



I commenti sono chiusi.